Cultura: un compromesso nelle attività di diplomazia pubblica della diaspora eritrea

0
380

Traduzione di media comunità Eritrea It fonte wwwshabait.com

La storia dell’Eritrea è antica quanto l’umanità ed è caratterizzata dalla convergenza di vecchi e

nuovi servizi che hanno preso forma nel corso dei millenni. Partendo da queste premesse, suppongo intorno a documenti archeologici e/o storici vitali per sottolineare che la sua visibilità in ambito internazionale può essere terreno fertile per favorire la comprensione e il rispetto. Al centro della concezione della diplomazia pubblica/culturale, o di qualunque caratteristica semantica sia collegata ad essa, e ritengo fortemente che possano essere forgiate piattaforme per effettuare un dialogo interculturale attorno ai temi del patrimonio archeologico dell’Eritrea. A questo proposito, fornisco uno schizzo per toccare elementi dei doni del paese nella misura in cui la loro risonanza nello spettro della diplomazia pubblica ci aiuterà a esplorare modi di interazione che forse spesso ricorrono a vie ortodosse della diplomazia.

Situata all’incrocio del cosiddetto “triangolo di Afar”, la depressione della Dancalia in Eritrea è una delle miniere d’oro fossili del mondo. La mappa dell’Eritrea negli spettri crescenti delle imprese paleontologiche e paleoantropologiche in tutto il mondo è stata delimitata grazie alla scoperta di resti di un ominide di un milione di anni e ai reperti fossili di mammiferi

Questa ricerca ha attirato la ribalta scienziati internazionali. L’integrazione dello stato dell’arte in questi progetti di ricerca amplierà la nostra conoscenza dell’evoluzione umana e dei mammiferi nel contesto dei paralleli africani ed euro-asiatici.

I temi relativi alla comune discendenza umana, alle sfide ecologiche e climatiche e alle strategie di sfruttamento delle risorse in mezzo a queste barriere vengono esplorati da diversi punti di vista e contribuiscono ulteriormente a instillare la conoscenza sul multiculturalismo, la convivenza pacifica e le risposte globali alle sfide e alle catastrofi umane.

Vengono compiuti sforzi per integrarli nei programmi scolastici e diffonderli attraverso i canali dei media nel paese, contribuendo così alla costruzione della nazione. Tuttavia, questi valori trascendono le frontiere nazionali e la visibilità di questi valori nell’arena internazionale è vitale per garantire la pace e la stabilità nel Corno d’Africa. Al contrario, mentre si dovrebbe dare spazio al progresso scientifico della ricerca intorno a questi temi, la pace e la stabilità nella regione sono fondamentali per questi sforzi. Pertanto, le attività di diplomazia pubblica dovrebbero considerare questo compromesso, che è conferito nella documentazione archeologica dell’Eritrea.

Allo stesso modo, l’esplorazione della storia dell’armonia religiosa e dei suoi principi ci porta ad apprezzare l’avvento del cristianesimo e dell’islam in Eritrea. La posizione del paese sul Mar Rosso ha fornito un gateway per entrambe le religioni nel Corno d’Africa. La loro pacifica convivenza per millenni ha contribuito a plasmare gli attuali valori di tolleranza, rispetto e dignità umana e armonia religiosa. La conservazione delle chiese paleocristiane ad Adulis, la moschea Sahaba a Massaua (forse il primo edificio sacro islamico nel continente africano) e diverse moschee storiche in tutto il paese, le prime tradizioni monastiche ben conservate negli altopiani dell’Eritrea e i documenti archeologici dell’altezza delle civiltà islamiche nelle isole Dahlak sulla Costa Rossa africana forniscono un vasto repertorio delle prime forme di queste civiltà.

La Moschea Derbush a Massaua

Il capitale sociale costruito sui valori delle prime civiltà cristiana e islamica è caratteristico della convivenza pacifica nella società dove la diversità è invece una benedizione che una fonte di conflitti. Allo stesso modo, la conservazione delle tradizioni, in cui le festività religiose accolgono i pellegrini, indipendentemente dalla loro fede, non può essere trascurata quando l’umanità è messa alla prova nella sua storia da atti di terrore globale e fondamentalismo. In sintesi, gli ideali della società eritrea sulla tolleranza e la mutua convivenza esemplificano la nozione stessa dei diritti di un essere simile come individuo e del suo posto nella società, un attributo vitale dei diversi codici di diritto consuetudinario nel paese .Trascende le frontiere comunitarie o nazionali per implicare che le nozioni locali di rispetto e coesistenza assomiglino anche all’ethos sancito dalle convenzioni universali. Questi vecchi servizi sopravvivono alla prova del tempo e preservare questo aspetto del patrimonio culturale in Eritrea è fondamentale per costruire istituzioni di legge e ordine. A questo proposito, una più ampia comprensione della società eritrea dovrebbe soffermarsi su queste premesse, che si riflettono anche nelle attività della diaspora eritrea, per rendere visibile il nucleo stesso di questi valori. La più ampia risonanza di questi ethe dovrebbe anche fungere da canale per il dialogo interculturale, chiave per costruire impegni para-diplomatici.Uno di questi possibili futuri nella diplomazia pubblica che coinvolge la diaspora eritrea potrebbe quindi risiedere nella diplomazia che sottolinea i punti in comune attorno a questi temi per avvicinarsi meglio alla pace e alla stabilità regionali nel Corno da un lato e costruire una comprensione condivisa delle questioni globali con i paesi ospitanti.

Allo stesso modo, l’Eritrea possiede una ricca cultura della modernità percepita nell’ingegnosità architettonica della fine del XIX e del XX secolo. Il capitale dell’Eritrea, un sito del patrimonio mondiale, è un paradiso per un ambiente urbano unico, dove un esperimento di architettura moderna dei primi anni del 20 ° secolo, si mescolava con le realtà indigene africane. Il contesto fisico e sociale di Asmara ha instillato fenomenologicamente un seme di cosmopolitismo, e questo spirito della città è ancora intatto nel 21° secolo. Musica, arte, cinema e simili che hanno preso forma in un tessuto urbano in continua evoluzione forniscono una facciata alle realtà eritree.

Quando visibile nell’arena internazionale può essere terreno fertile per costruire e promuovere il dialogo e lo scambio interculturale, un’impresa diplomatica può eventualmente nascere da queste iniziative. Si può dire che la diaspora eritrea ha molto da offrire lungo queste frontiere per impegnarsi nella costruzione di un dialogo costruttivo basato su scambi culturali attivamente.

Infine, vorrei fare una dichiarazione toccando l’ethos della lotta armata per l’indipendenza dell’Eritrea, in cui resti monumentali della lotta testimoniano i sacrifici pagati per garantire la dignità umana. La lotta è stata una pura risposta alle narrazioni di egemonia costruite su miti e errori storici nel Corno, che hanno negato ai popoli della regione la loro richiesta di un’esistenza pacifica.

Il processo di costruzione della nazione iniziato dopo l’indipendenza dell’Eritrea, d’altra parte, è un passo avanti per costruire una rappresentazione adeguata della storia che è stata a lungo emarginata. La ricerca sul patrimonio archeologico dovrebbe favorire la convivenza pacifica e i doni archeologici in Eritrea offrono una miriade di luoghi che contribuiscono a questi fini. La pace è vitale per questi sforzi che trascendono i confini nel Corno d’Africa. La comunità internazionale dovrebbe dare credito a questi sforzi sostenendo il dialogo interstatale nel Corno. Il riconoscimento dei sacrifici fatti dal popolo per la dignità e la pace in passato dovrebbe quindi essere reso visibile alla ribalta internazionale come un atto di diplomazia pubblica e contribuire a costruire una pace duratura nel Corno. La diaspora eritrea sostiene questa causa,e la sua situazione per la pace attraverso la diplomazia pubblica è una manifestazione della premessa che una corretta rappresentazione della storia e la comprensione delle sfide nei tempi attuali sono parte integrante della ricerca di soluzioni ai problemi della regione. Tali sforzi, quindi, elemosinano accomodamenti negli angoli della politica estera attraverso il dialogo interculturale.

Riconoscimento

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su NCEA Public Diplomacy Group Quarterly Magazine Vol 1, numero di settembre/novembre 2021.

Di Abramo Zerai. dottorato di ricerca Fellow Technology-Driven Sciences for Cultural Heritage.Università di Torino, Italia.

LEAVE A REPLY