L’UNHCR respinge le accuse di rapimento e rimpatrio forzato di rifugiati eritrei

0
194

FONTE SATANAW NEWS

Addis Abeba, Gennaio 29 2021 (ENA)

L’alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) ha respinto le accuse dei media sul rapimento e il ritorno forzato di rifugiati eritrei accolti nei campi profughi nello Stato regionale del Tigray.

Il rifiuto arriva dopo che la delegazione dell’UNHCR guidata dal rappresentante nazionale Ann Allen Encontre ha effettuato una visita ai campi profughi di Mai-Ani e Adi-Harush martedì 26 gennaio 2021 nella regione del Tigray, accompagnata da funzionari dell’Agenzia per gli affari dei rifugiati e dei rimpatriati (ARRA) dell’Etiopia.

Secondo l’Agenzia di stampa africana (APA), i funzionari hanno discusso con i rappresentanti dei rifugiati nei campi regionali del Tigray sulla base delle preoccupazioni dei media sull’intera situazione dei campi e sulla via da seguire per migliorare la qualità dei servizi.

Il portavoce dell’UNHCR per l’Etiopia, Chris Melzer, ha dichiarato ai media locali che l’accusa dei media di rapimento e ritorno forzato dei rifugiati eritrei non è confermata dalle testimonianze dei rappresentanti dei rifugiati.

I funzionari dell’UNHCR hanno anche testimoniato che la maggior parte dei rifugiati risiede ancora nei campi.

“Ora la situazione è notevolmente migliorata e il nostro partner, il Programma alimentare mondiale (WFP), si occupa della distribuzione di cibo per il mese di gennaio. Ai rifugiati è stata anche ottenuta la razione alimentare del WFP il mese inoltre è stato confermato che non moriranno più di fame “, ha sottolineato.

Plaudendo agli sforzi compiuti dal governo Etiope per garantire standard internazionali di servizi per i rifugiati, Chris ha ribadito il sostegno dell’UNHCR per affrontare le sfide che sono state causate dall’interruzione della fornitura di acqua potabile e dall’erogazione dei servizi sanitari e educativi.

Il portavoce dell’UNHCR per l’Etiopia, Chris Melzer, ha dichiarato ai media locali che l’accusa dei media sul rapimento e il ritorno forzato di rifugiati eritrei non è confermata dalle testimonianze dei rappresentanti dei rifugiati.

I funzionari dell’UNHCR hanno anche testimoniato che la maggior parte dei rifugiati risiede ancora nei campi.

“Ora la situazione è notevolmente migliorata e il nostro partner, il Programma alimentare mondiale (WFP), si occupa della distribuzione di cibo per il mese di gennaio. I rifugiati hanno anche ottenuto la razione alimentare del WFP il mese scorso e abbiamo confermato che non moriranno più di fame “. ha sottolineato.

Plaudendo agli sforzi compiuti dal governo etiope per garantire standard internazionali di servizi per i rifugiati, Chris ha ribadito il sostegno dell’UNHCR per affrontare le sfide causate dall’interruzione della fornitura di acqua potabile e dall’erogazione dei servizi sanitari e educativi.

Secondo l’agenzia di stampa africana, Beakal Nigussie, responsabile delle pubbliche relazioni di ARRA, ha affermato che i servizi di base e sociali per i rifugiati eritrei sono stati ripresi nei campi profughi di Mai-Ani e Adi-Harush.

Oltre al processo di distribuzione di cibo in corso per il mese di gennaio, che è stato effettuato per la seconda volta, sono stati anche realizzati diversi centri di fornitura di servizi per riprendere le operazioni nei campi, ha aggiunto.

Notando l’esistenza di oltre 900.000 rifugiati accolti nel Paese, il funzionario ha sottolineato che il numero di rifugiati colpiti dall’interruzione dei servizi a causa delle operazioni di polizia è insignificante.

Beakal ha sottolineato che sono in corso sforzi consolidati per incoraggiare gli attori globali a rafforzare il loro sostegno agli sforzi dell’Etiopia per usufruire dei servizi cruciali per i rifugiati che sono accolti nei 26 campi sparsi in tutto il paese.

LEAVE A REPLY