Promuovere l’energia solare in Eritrea
Di: Ruth Abraham

0
175

Traduzione di mediacomunitaeritreait

L’analisi a livello globale evidenzia che, l’uso dell’energia solare come fonte di energia alternativa è in forte crescita. In Africa, sopra tutto negli stati come Egitto, Marocco, Ghana e Sudafrica sono leader nell’applicazione a larga scala nell’uso di energia solare.

Il Marocco ospita il più grande impianto solare dell’Africa, NoorSolar Complex, mentre il Sudafrica ospita otto dei dieci più grandi impianti solari del continente. L’impianto “Noor Solar Complex” è un parco solare da 500 MW, e rappresenta inoltre la più grande centrale solare a concentrazione del mondo.

Tuttavia la principale fonte di energia dell’Eritrea è il petrolio, quest’ultimo prosciuga le riserve di valuta estera dello stato, ma oltretutto rappresenta una delle principali cause di inquinamento al mondo. 

Il governo ha compiuto sforzi per promuovere l’uso di fonti di energie alternative, focalizzando l’attenzione sull’energia solare emitigare i problemi associati all’uso di combustibili fossili. Uno deiprincipali vantaggi dell’energia solare è che non inquina l’ambiente e consente risparmio economico nel lungo periodo anche se questo comporta all’inizio un investimento piuttosto consistente.

Le condizioni climatiche dell’Eritrea sono caratterizzate, per la maggior parte dell’anno, da lunghe giornate di sole il che lo rende idoneo allo sfruttamento dell’energia solare. 

I dati delle stazioni di monitoraggio eolico e solare, installate in molte parti del paese, mostrano che il paese ha un grande potenziale, circa 6 kwh/m2 di energia solare. Sulla base degli studi realizzati dal Ministero dell’Energia e delle Miniere (MEM) sono stati individuati molteplici siti meteorologici per la rilevazione di potenziali siti solari.

Il MEM ha lavorato per fornire energia pulita, sostenibile a villaggi e città rurali precedentemente sprovviste di rete quali, Areza e Maidma nella regione di Debub. Il progetto include utenze per oltre 40.000 residenti in 40 villaggi, comprese 513 piccole imprese, 15 scuole, 2 asili nido, 2 ospedali distrettuali, 5 stazioni sanitarie e 80 organizzazioni di vario genere.

Attorno alle dighe di Logo e Misilam sono stati installati impianti a energia solare e un impianto simile è in fase di realizzazione a Kerkebet. L’energia in eccesso generata negli impianti in prossimità delle dighe di Logo e Misilam viene immessa nella rete nazionale. L’uso dell’energia solare sta diventando sempre più comune nelle famiglie che adottano sistemi solari domestici.

Nell’ambito dei suoi sforzi per promuovere l’uso di fonti di energia alternative, il MEM ha costruito nell’aprile 2018 un impianto fotovoltaico situato ad est di Asmara. L’impianto genera una media di 11mila chilowattora di elettricità al giorno. Inoltre, nella capitale, sono stati installati più di 400 lampioni ad energia solare, che coprono una distanza di 13 chilometri.

Nonostante l’Eritrea abbia ancora una lunga strada da percorrere nello sfruttamento di fonti rinnovabili, ha dimostrato tuttavia il suo impegno con i progetti realizzati che enfatizzano l’uso di energia solare ed eolica. Le due centrali elettriche, una ad Areza (1,5 acri) e un’altra a Maidma (2,5 acri), mostrano l’uso di sistemi di energia solare per alimentare le comunità rurali circostanti.

In futuro, il MEM intende aumentare la propria capacità produttiva di energia rinnovabili, intensificando gli sforzi nella ricerca e fonti rinnovabili , allontanandosi in tal modo la dipendenza dei combustibili fossili.

Nel suo piano a breve termine intende aumentare la capacità di energia solare ed eolica rispetto al fabbisogno energeticonazionale. Il piano comprende un eolico da 20-30 MW e solare ibrido a Dekemhare, un’altro eolico da 10 MW ad Assab, un solare da 10-20 MW ad Asmara, Adikeih, Debarwa e Barentu, un solare da 5 MW a Gerset, un solare da 5 MW eolico e solare ibrido a Kerkebet e infine un ibrido solare diesel da 2-3 MW a Nakfa, che sarà collegato alla rete nazionale.

Il MEM prevede inoltre di aumentare l’efficienza energetica in Eritrea attraverso l’espansione dell’elettrificazione rurale mediante l’installazione estensiva di sistemi solari, la riabilitazione del sistema di distribuzione della capitale, la creazione di un impianto di assemblaggio per batterie e altri apparecchi.

La previsione a lungo termine del MEM prefigge di dare accesso totale all’energia rinnovabile estendendo la rete nazionale a tutto il paese.

LEAVE A REPLY